The Border Wall Exhibition

Bolzano, Italy 2021
Grazie di cuore Bolzano per la calorosa accoglienza per l’inaugurazione dell’esposizione “The Border Wall” e “American Chimera”. Il fil rouge della rassegna fotografica sono i Muri, interpretati con 36 fotografie organizzate in due storie e un 25’ docufilm (co-regia & DOP Francesca Tosarelli Editing EiE Film). I muri di frontiera, non solo fisici, quelli di divisione e di indifferenza, allontanano le culture e le persone. Servono a respingere, a chiudere, a limitare i diritti universali ed inalienabili degli esseri umani. Oggi i muri sono in continuo aumento: fermano i migranti dalla fuga dalle guerre e delle carestie, e li costringono ad una vita d’attesa nei campi di accoglienza improvvisati. Questo succede in Italia, ma anche in Polonia, in Ungheria, in Messico e in decine di altri posti nel mondo. Nel 2018, sono stato a Tijuana e nel 2019 negli States per documentare uno dei più grandi esodi contemporanei proveniente dal Centro America. Ho incontrato molte persone e ascoltato le loro storie di violenza, di narcotraffico di assassinii e disperazione, colmate da un’enorme speranza di rinascita e fiducia in una nuova vita. Una speranza strozzata dal lungo muro che attraversa tutto il paese fino a perdersi nell’Oceano Pacifico.
Bucciarelli_Mexico_17
Nell’Ottobre del 2018, una serie di esodi partiti dai paesi del Centro America verso gli Stati Uniti porta migliaia di persone a Tijuana, città di confine fra Messico e US. La maggioranza delle persone, proveniente dall’Honduras, dal Guatemala, e da El Salvador, è in fuga dalle violenza e dalla povertà, alla ricerca di migliori condizioni di vita negli Stati Uniti. Le autorità di frontiera americane non riescono a processare il numero di richieste di asilo e le persone tentano in ogni modo di attraversare il muro di confine.
Sotto la presidenza Trump, il muro di divisione è diventato il punto di forza della politica repressiva repubblicana: sono state inviate truppe sul confine per evitare l’ingresso ai migranti, e il Presidente ha autorizzato l’uso della forza per fermare l’esodo, apostrofandolo come “un’invasione”.
A Tijuana, nell’attesa di riuscire in qualche modo ad entrare negli Stati Uniti, le persone vengono trasportate da un campo di accoglienza all’altro, e diventato facili bersagli della malavita locale di una delle città più pericolose al mondo.
IMG_6082
IMG_6090
American Chimera - 2nd chapter, USA
IMG_6036
IMG_6099